Agrofarmaci

fungicidi

CUPRO ISAGRO BLU

CUPRO ISAGRO BLU (Reg. n. 10595 del 06/09/2000)

Fungicida non colorato per la difesa di vite, fruttiferi, olivo, colture ortive, patata, cipresso.

 = prodotti ammessi in agricoltura biologica

Caratteristiche

Formulazione: granuli idrodispersibili

Classificazione CLP:

  • ATTENZIONE
  • GHS09-A

Numero di registrazione: 10595 (06/09/2000)

Composizione

  • rame - ossicloruro di rame 37,50%

Registrazioni

Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Peronospora destructor: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas fluorescens: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Erwinia amylovora: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
  • Monilia fructigena: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Monilinia e Monilia laxa e fructigena: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Monilinia laxa: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
  • Xanthomonas arboricola pv. Pruni: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Cytospora corylicola: Dose su ettaro:2,5-3,8 kg/ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare alla dose indicata allo stadio di applicazione BBCH 99-00 quando si manifestano le condizioni predisponenti alla malattia (autunno-invernale) ad intervalli di 7-14 giorni. È possibile effettuare da 1 a 3 applicazioni all’anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Mycosphaerella maculiformis: Dose su ettaro:2,5-3,8 kg/ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare alla dose indicata allo stadio di applicazione BBCH 99-00 quando si manifestano le condizioni predisponenti alla malattia (autunno-invernale) ad intervalli di 7-14 giorni. È possibile effettuare da 1 a 3 applicazioni all’anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Nectria galligena: Dose su ettaro:2,5-3,8 kg/ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare alla dose indicata allo stadio di applicazione BBCH 99-00 quando si manifestano le condizioni predisponenti alla malattia (autunno-invernale) ad intervalli di 7-14 giorni. È possibile effettuare da 1 a 3 applicazioni all’anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Alternaria brassicae: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Mycosphaerella brassicicola: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Peronospora brassicae: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Alternaria brassicae: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Mycosphaerella brassicicola: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Peronospora brassicae: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in serra
Parassiti
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Erwinia amylovora: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
  • Monilia fructigena: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Monilinia e Monilia laxa e fructigena: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Monilinia laxa: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Taphrina cerasi: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Xanthomonas arboricola pv. Pruni: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Peronospora destructor: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas fluorescens: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Seiridium cardinale: Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Trattamenti preventivi in primavera e autunno irrorando completamente il fusto e la chioma alla dose indicata per un totale di 4 applicazioni corrispondente al dosaggio massimo. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in serra
Parassiti
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Mycosphaerella fragariae: Dose su ettaro:2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato a seconda del ciclo vegetativo e delle condizioni climatiche alla ripresa vegetativa o prima del riposo invernale (BBCH 13-81) effettuando 2-6 applicazioni ad un massimo di 2,5 kg/ha. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Monilia fructigena: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Monilinia e Monilia laxa e fructigena: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Monilinia laxa: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Phytophthora infestans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Phytophthora nicotianae v. parasitica: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in serra
Parassiti
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Phytophthora infestans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Phytophthora nicotianae v. parasitica: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in serra
Parassiti
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Cytospora corylicola: Dose su ettaro:2,5-3,8 kg/ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare alla dose indicata allo stadio di applicazione BBCH 99-00 quando si manifestano le condizioni predisponenti alla malattia (autunno-invernale) ad intervalli di 7-14 giorni. È possibile effettuare da 1 a 3 applicazioni all’anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Nectria galligena: Dose su ettaro:2,5-3,8 kg/ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare alla dose indicata allo stadio di applicazione BBCH 99-00 quando si manifestano le condizioni predisponenti alla malattia (autunno-invernale) ad intervalli di 7-14 giorni. È possibile effettuare da 1 a 3 applicazioni all’anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Cytospora corylicola: Dose su ettaro:2,5-3,8 kg/ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare alla dose indicata allo stadio di applicazione BBCH 99-00 quando si manifestano le condizioni predisponenti alla malattia (autunno-invernale) ad intervalli di 7-14 giorni. È possibile effettuare da 1 a 3 applicazioni all’anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Nectria galligena: Dose su ettaro:2,5-3,8 kg/ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare alla dose indicata allo stadio di applicazione BBCH 99-00 quando si manifestano le condizioni predisponenti alla malattia (autunno-invernale) ad intervalli di 7-14 giorni. È possibile effettuare da 1 a 3 applicazioni all’anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Colletotrichum gloeosporioides (Lebbra delle olive): Dose su ettaro:2-3 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare alla dose indicata nei periodi più favorevoli alla malattia quali all’inizio della primavera (sviluppo dei germogli fino a pre-fioritura) e da settembre (dallo sviluppo delle drupe all’invaiatura) a intervalli di 14 giorni fino a 20 giorni prima della raccolta. Utilizzare la dose più alta su varietà più sensibili alle malattie. È possibile effettuare dalle 2 alle 5 applicazioni. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas savastanoi: Dose su ettaro:2-3 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare alla dose indicata nei periodi più favorevoli alla malattia quali all’inizio della primavera (sviluppo dei germogli fino a pre-fioritura) e da settembre (dallo sviluppo delle drupe all’invaiatura) a intervalli di 14 giorni fino a 20 giorni prima della raccolta. Utilizzare la dose più alta su varietà più sensibili alle malattie. È possibile effettuare dalle 2 alle 5 applicazioni. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Spilocaea oleaginea: Dose su ettaro:2-3 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Trattare alla dose indicata nei periodi più favorevoli alla malattia quali all’inizio della primavera (sviluppo dei germogli fino a pre-fioritura) e da settembre (dallo sviluppo delle drupe all’invaiatura) a intervalli di 14 giorni fino a 20 giorni prima della raccolta. Utilizzare la dose più alta su varietà più sensibili alle malattie. È possibile effettuare dalle 2 alle 5 applicazioni. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettolitro:300-450 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Phytophthora infestans: Dose su ettolitro:300-450 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Erwinia amylovora: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
  • Monilia fructigena: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Monilinia e Monilia laxa e fructigena: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Monilinia laxa: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Taphrina deformans: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Xanthomonas arboricola pv. Pruni: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Erwinia amylovora: Dose su ettaro:2,5-3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:130 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione di contenimento.
  • Nectria galligena: Dose su ettaro:2,5-3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali (BBCH 97-99) alla dose massima di 3,5 kg/ha per un totale di 2-3 trattamenti per anno. Trattamenti a rottura gemme fino alla pre-fioritura (BBCH 01-55), intervenire sino a una dose massima di 2,5 kg/ha con 2-4 trattamenti per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Nectria galligena - Cylindrocarpon mali: Dose su ettaro:2,5-3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali (BBCH 97-99) alla dose massima di 3,5 kg/ha per un totale di 2-3 trattamenti per anno. Trattamenti a rottura gemme fino alla pre-fioritura (BBCH 01-55), intervenire sino a una dose massima di 2,5 kg/ha con 2-4 trattamenti per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Venturia inaequalis - F. dendriticum: Dose su ettaro:1,3-3,5 kg/ha - Dose su ettolitro:130-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali (BBCH 97-99) alla dose massima di 3,5 kg/ha per un totale di 2-3 trattamenti per anno. Trattamenti a rottura gemme fino alla pre-fioritura (BBCH 01-55), intervenire sino a una dose massima di 2,5 kg/ha con 2-4 trattamenti per anno. Per proseguire la lotta contro la ticchiolatura nelle fasi successive alla fioritura o per interventi di soccorso contro colpo di fuoco utilizzare la dose di 1,3-2 kg/ha in 6 applicazioni. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Venturia pirina - Fusicladium pirinum: Dose su ettaro:1,3-3,5 kg/ha - Dose su ettolitro:130-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali (BBCH 97-99) alla dose massima di 3,5 kg/ha per un totale di 2-3 trattamenti per anno. Trattamenti a rottura gemme fino alla pre-fioritura (BBCH 01-55), intervenire sino a una dose massima di 2,5 kg/ha con 2-4 trattamenti per anno. Per proseguire la lotta contro la ticchiolatura nelle fasi successive alla fioritura o per interventi di soccorso contro colpo di fuoco utilizzare la dose di 1,3-2 kg/ha in 6 applicazioni. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Phytophthora infestans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Phytophthora nicotianae v. parasitica: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in serra
Parassiti
  • Alternaria porri f. sp. solani: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Cladosporium cucumerinum: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Phytophthora infestans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Phytophthora nicotianae v. parasitica: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare appena si verificano le condizioni per l’inizio della malattia alla dose indicata ad intervalli di 6-10 giorni proseguendo per tutto il ciclo di sviluppo della coltura. Numero di applicazioni: 3-6. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Peronospora destructor: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas fluorescens: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Bremia lactucae: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Monilia fructigena: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Monilinia e Monilia laxa e fructigena: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Monilinia laxa: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Effettuare trattamenti autunno invernali a caduta foglie e dopo la potatura alla dose di 270-300 g/hl non superare i 3,5 kg/ha ad intervalli di 14 giorni per 2 applicazioni anno. I trattamenti possono proseguire al risveglio vegetativo fino alla fase di bottoni fiorali applicando il prodotto 1-2 volte alla dose di 200-250 g/hl (2,5-3 kg/ha) e di 2 applicazioni per anno. Limitare i trattamenti alla fase di bottoni fiorali. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
  • Xanthomonas campestris p.v. pruni: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: non necessario
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Capnodium citri: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Colletotrichum gloeosporioides (Antracnosi degli agrumi): Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
  • Phytophthora citrophthora - P. nicotianae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Intervenire alla dose indicata quando si presentano le condizioni ambientali favorevoli allo sviluppo della malattia (dalla fase di accrescimento dei frutti fino a 20 giorni prima della raccolta, BBCH 71-PHI) ad intervalli di 14-20 giorni ad una dose massima di 3,5 kg/ha e 4 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae: Dose su ettaro:3,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 14 gg
    Note: Azione collaterale.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Plasmopara viticola: Dose su ettaro:2 kg/Ha - Dose su ettolitro:200-250 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Intervenire preventivamente alla dose indicata ripetendo i trattamenti ogni 7-10 giorni a seconda delle condizioni climatiche ed elevare la dose a 2,5 kg/ha su varietà sensibili alla peronospora e in caso di forti attacchi. Stadio di applicazione BBCH 13-PHI. In ogni caso non superare la dose corrispondente a 2,5 kg/ha di formulato per un massimo di 6 applicazioni per anno. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in serra
Parassiti
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 7 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in pieno campo
Parassiti
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
Ambito d'impiego: in serra
Parassiti
  • Pseudomonas spp. - Xanthomonas spp.: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudomonas syringae pv. Lachrymans: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.
  • Pseudoperonospora cubensis: Dose su ettaro:2-2,5 kg/Ha - Dose su ettolitro:300 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Trattare al dosaggio indicato non appena si verificano le condizioni di sviluppo della malattia continuando ad intervalli di 7-10 giorni per tutto il periodo di sviluppo della coltura. Le dosi sopra riportate si riferiscono generalmente a trattamenti a volume normale, in caso di volumi diversi non superare la dose massima per ettaro. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l’esposizione per gli organismi non bersaglio, tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l’applicazione cumulativa di 28 kg di rame per ettaro nell’arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo medio applicato di 4 kg/ha all’anno.